UCSL - Ufficio di consulenza
per la sicurezza sul lavoro

La norma per le installazioni a bassa tensione è stata adattata. Anche se il periodo di transizione è già in corso, non è ancora chiaro come questi cambiamenti debbano essere esattamente attuati nei cantieri.

La protezione contro le scosse elettriche è una priorità assoluta per le installazioni elettriche. Per questa ragione la norma per le installazioni a bassa tensione (SN 411000; NIN) è stata adeguata per l’inizio del 2020 nel consueto ciclo di revisione. Questi cambiamenti riguardano, tra l’altro, anche le installazioni nei cantieri dove i quadri elettrici devono essere adattati. La novità è che i circuiti elettrici che alimentano le prese con una corrente nominale superiore a 32 A devono essere protetti con dispositivi di protezione differenziale. Ciò garantisce un disinserimento sicuro e rapido del circuito elettrico in caso di difetto.

L’implementazione si rivela però problematica a causa di possibili correnti di dispersione legate al funzionamento sui cantieri. Si deve evitare che eventuali correnti di dispersione che si verificano sul cantiere facciano scattare inavvertitamente i dispositivi di protezione differenziale e paralizzino l’intero cantiere.

Al fine di armonizzare il miglioramento normativo con la sfida tecnica, il comitato tecnico responsabile sta rielaborando la direttiva svizzera SNG 491000-2071 “Quadri elettrici da cantiere”. La direttiva fornisce spiegazioni, chiarimenti e informazioni supplementari sulle norme. La pubblicazione della SNG 491000-2071 aggiornata è prevista per il 1° trimestre del 2021.

La SSIC raccomanda pertanto di attendere fino a quando non sarà disponibile la suddetta direttiva prima di effettuare adeguamenti ai quadri elettrici da cantiere, al fine di prevenire eventuali guasti durante i lavori di costruzione.

Le scadenze modificate per l’attuazione del nuovo requisito per i quadri elettrici da cantiere sono fissate come segue:

31 dicembre 2022 per i nuovi cantieri che vengono messi in servizio.

31 dicembre 2023 per i cantieri che sono entrati in servizio prima del 1° gennaio 2020.

La SSIC vi contatterà nuovamente in merito a questo argomento non appena il contenuto della SNG 491000-2071 sarà noto e si potrà procedere con l’implementazione.

20-10-15_NIN2020_Final-it.pdf

53.67 KB / PDF
Scaricare
  Torna alla panoramicaUCSL-Info: primi soccorsi sul cantiere